La tutela volontaria dei Msna da un punto di vista qualitativo

03-02-2021

Sono stati pubblicati i cinque rapporti di monitoraggio sul sistema di tutela volontaria dei minori stranieri non accompagnati in Italia. Uno, a carattere quantitativo, aggiorna il precedente rapporto diffuso nel 2019, gli altri quattro esaminano la materia sul piano qualitativo. Il primo di questi ultimi è un’indagine sui minori stranieri non accompagnati senza tutore volontario abbinato, il secondo riguarda quelli che lo hanno avuto, il terzo è specificatamente sui tutori volontari e un quarto, infine, approfondisce le relazioni interculturali.                                              

Il monitoraggio qualitativo, avviato a novembre 2019 e concluso a febbraio 2020, ha interessato cinque regioni-pilota: Friuli Venezia Giulia, Liguria, Toscana, Abruzzo e Sicilia.

Il questionario era diretto a:                            

  • tutori volontari già nominati, con o senza esperienza di tutela;
  • neomaggiorenni, con un’età compresa fra i 18 e i 20 anni con un abbinamento del tutore volontario;
  • neomaggiorenni con un’età compresa fra i 18 e i 20 anni senza un abbinamento del tutore volontario.

Hanno partecipato all’indagine qualitativa 75 tutori volontari, 62 neomaggiorenni con un abbinamento del tutore volontario e 37 neomaggiorenni senza tutore volontario per un totale di 174 persone. I tutori volontari coinvolti, nella maggior parte dei casi, sono donne (59), di età compresa tra 35 e i 54 anni di età. Gli uomini (16) appartengono proporzionalmente a una fascia di età più elevata (il 38% è tra i 65 e i 75 anni). Tra i 99 ragazzi destinatari del questionario prevale la componente maschile (90); le ragazze sono solo 9.

La quarta pubblicazione, realizzata in collaborazione con l’Università Cattolica di Milano - Centro di ricerca sulle relazioni interculturali, è dedicata a indagare le seguenti aree tematiche: differenze socio-culturali, pregiudizio/razzismo, narrazione e condivisione della storia migratoria dei ragazzi.

Per quanto attiene invece al secondo “Rapporto di monitoraggio sul sistema della tutela volontaria”, riferito al 30 giugno 2019 e realizzato sempre con il Fondo asilo integrazione migrazione, la rilevazione è stata condotta con la partecipazione dei tribunali per i minorenni e dei garanti regionali e delle province autonome con il supporto di unità operative locali allorché richiesto.

In particolare emergono i seguenti dati: sono 2960 gli aspiranti tutori volontari che risultano iscritti negli elenchi istituiti presso i tribunali per i minorenni al 30 giugno 2019. Tre tutori volontari su quattro sono donne (queste ultime toccano il 91% al tribunale di Taranto). Il 63,1% dei tutori volontari ha età maggiore di 45 anni, con un picco del 40% nella fascia 46-60 anni. La maggior parte degli aspiranti tutori volontari (78,2%) è occupata, i pensionati rappresentano il 10,8% del totale. Per lo più svolgono o hanno svolto una professione intellettuale o scientifica (53,2%), tecnica (16,9%), esecutiva nel lavoro d’ufficio (11,9%) o qualificata nei servizi o nel commercio (10,4%). È laureato il 79,5%, mentre il 19,5% è in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore.

Per consultare i rapporti vai alla sezione dedicata

 

 

 

Le nostre ultime 3 notizie:

Secondo report sulle attività delle UOL presso gli “Sportelli Fami“

In continuità con il primo report  è proseguita l'attività di studio, analisi e sintesi, avviata nel...

Presentati i risultati del progetto di monitoraggio del sistema della tutela volontaria

Sono stati presentati questa mattina i primi risultati del progetto di monitoraggio del sistema...

Evento conclusivo del progetto nazionale FAMI

Il 28 aprile dalle ore 10 alle 13 si terrà il convegno “Monitoraggio della tutela volontaria per...