Primo report sulle attività delle UOL presso gli “Sportelli Fami“

02-07-2020

 

Pubblicato il primo report elaborato dagli esperti del nucleo tecnico Fami, in cui si analizzano i profili degli operatori impegnati nelle attività e le aree tematiche sulle quali intervenire per rendere più efficace il sistema di tutela volontaria.

I dati, raccolti attraverso specifiche schede di rilevazione, indicano che tre utenti su quattro degli sportelli aperti su tutto il territorio nazionale sono tutori.  Circa la metà è sono venuti a conoscenza del progetto Fami autonomamente; solo nel 24,4%  è stato necessario svolgere una campagna di promozione e sensibilizzazione, di cui il 17, 8% veicolata dai tribunali per i minorenni e per il 5,3% da eventi rivolti agli attori del sistema di protezione dei minori stranieri non accompagnati.  Nel 35% dei casi è stata rilevante l’attività delle UOL svolta presso i tribunali per i minorenni.

Tra i motivi per cui i vari soggetti accedono agli sportelli FAMI, prevale la necessità di approfondire tematiche di carattere sociale, amministrativo-burocratico e giuridico del sistema di accoglienza e protezione dei minori stranieri non accompagnati.

A fornire assistenza presso gli sportelli, operatori con competenze sociali (più del 70%) e operatori con competenze giuridiche (20%). In alcuni casi (6,9 %) è stato necessario svolgere un lavoro congiunto tra l’operatore sociale e l’operatore legale della singola Unità Operativa Locale.

Tutti i dettagli nel documento allegato.

Le nostre ultime 3 notizie:

Settimana del tutore volontario: nuovo seminario a Palermo

 

Riparte il 31 luglio 2020, a Palermo, il ciclo nazionale di seminari aperti ai cittadini...

Primo report sulle attività delle UOL presso gli “Sportelli Fami“

 

Pubblicato il primo report elaborato dagli esperti del nucleo tecnico Fami, in cui si analizzano...

Seminari on line per tutori

Riprende l'attività formativa dedicata ai tutori volontari, sospesa per l’emergenza sanitaria nei...